LA VOCE DELL'ENOTECA · 24. novembre 2020
Abbiamo deciso di aprire l’e-shop perché abbiamo capito che se il mondo cambia dobbiamo farlo anche noi, offrendo un servizio sempre più completo a tutti, anche a chi non riesce a raggiungerci in negozio con i propri piedi.

LA VOCE DEL VINAIO · 12. novembre 2020
Qualche settimana fa ho fatto una visita alla Cantina Col di Corte, a Montecarotto (AN). Quando sono arrivato, Giacomo Rossi, uno dei soci e responsabile della cantina, mi ha subito accolto con un bel tagliere di ciauscolo e altri prodotti locali. Ottima partenza direi! Poi mi ha mostrato l’azienda: 13 ettari vitati posizionati tutti intorno alla cantina, come le fattorie di una volta che si trovavano al centro del podere. Uno stupendo panorama autunnale, che fa venire voglia di bere.

LE ALTRE VOCI · 08. novembre 2020
Ti diplomi da sommelier e a mala pena hai imparato a memoria tutte le 76 DOCG d'Italia, ricordando solo le principali DOC, se sei bravo una trentina su 333. Considerando che ogni DOP prevede diverse tipologie, come riserva, superiore, spumante, vitigni in purezza o in blend, e via dicendo, ci sarebbero da assaggiare 3424 diversi vini italiani, senza contare tutte le sottozone. Probabilmente non ne hai assaggiate più di alcune centinaia...

LA VOCE DEL VINAIO · 30. ottobre 2020
Che i cambiamenti climatici stiano impattando in modo importante sul mondo dell’agricoltura è noto ormai a tutti. Dai tanti amici vignaioli apprendo che l’anticipo della vendemmia è un fenomeno sempre più amplificato, dovuto all’innalzamento delle temperature che spinge sulla maturazione zuccherina delle uve, rischiando però una non completa maturazione polifenolica. Ma gli impatti di questo andamento li posso notare direttamente nel calice.

LE ALTRE VOCI · 22. ottobre 2020
“Voi (italiani) avete uve d'oro e fate vini d'argento, noi (francesi) uve d'argento e vini d'oro» René Engel, grande vignaiolo borgognone.

LA VOCE DEL VINAIO · 15. ottobre 2020
Parlare di pilzwiderstandsfähig non è facile, anche solo per la pronuncia. Ma se volete bere qualcosa di super biologico chiedetemi un vino piwi. Si tratta di vini prodotti con vitigni PiWi, acronimo di una lunga parole tedesca che significa resistenti agli attacchi dei funghi. I piwi sono frutto di incroci tra vitis vinifera e viti di altre specie, come la vita americana e asiatica. Il risultato è un vitigno talmente resistente alle malattie fungine che non ha bisogno di alcun trattamento...

LA VOCE DEL VINAIO · 05. ottobre 2020
Il Vinaio racconta qual'è il criterio di selezione dei vini che propone.

LA VOCE DELL'ENOTECA · 03. ottobre 2020
Siamo ormai maturi, adesso diamo voce alla nostra esperienza! Vogliamo raccontarvi qual è la visione che ci ha guidato in tutti questi anni nel dedalo di etichette senza farci mai perdere il senso del gusto e del giusto.